LA FILASTROCCA DEL GUARRACINO, UNA GUERRA IN ATTO NEL NOSTRO PIANETA E NEI NOSTRI MARI

«La filastrocca del Guarracino» di Mimmo Mòllica, storia di pesci e di coltello tra spose promesse e chi non le mantiene, versione in lingua italiana de "Lo Guarracino", composizione di autore ignoto del ‘700, un vero e proprio documento storico, “pura cultura”. La guerr del Guarracino sollecita amare considerazioni sulla salvaguardia dell’ecosistema marino come patrimonio troppo spesso minacciato.

15/08/2018 – Ma voi che siete uomini sotto il vento e le vele non regalate terre promesse a chi non le mantiene.(Fabrizio De André, Rimini, 1978). La filastrocca del Guarracino, storia di pesci e di coltello tra spose promesse e chi non le mantiene è il titolo dell’ebook di Mimmo Mòllica, pubblicato di recente in Amazon.

"Lo Guarracino" è una celebre canzone napoletana di autore ignoto del '700 che narra la surreale vicenda amorosa tra il coracino e una sardina, pesci dalla vita semplice e dagli amori complicati.
Il Guarracino (coracino), in cerca di una moglie, si innamora della Sardella, già fidanzata (o promessa) all'Alletterato (tonnetto alletterato), un pesce della famiglia dei tunnidi, certo assai più bello e forte del coracino. Lo Guarracino rientra nel repertorio della canzone popolare napoletana e racconta in maniera mirabile e geniale una vicenda amorosa di pesci e di mare per molti versi surreale, in una chiave divertente e fantastica, enumerando in lingua napoletana numerose varietà di pesci, la cui identificazione è stata oggetto di sfida tra studiosi, biologi marini, naturalisti ed esperti di fauna marina.

Benedetto Croce definì Lo Guarracino "una singolare fantasia, capricciosa e graziosa e di un brio indiavolato". Gino Doria la classificò "fra le cose più fresche, più festive, più colorite, più saporose e sarei a dire più odorose, della poesia semipopolare o semidotta che dir si voglia".

Mimmo Mòllica ha voluto proporre la sua versione in lingua italiana de "Lo Guarracino". I pesci che prendono parte alla contesa amorosa si scontrano in una lotta apparentemente violenta, eppure divertente e godibile perché possibile solo nell'immaginazione dell’autore. Una lotta che può dare l’dea della forza dell’amore ma pure di passioni come la gelosia e l’appartenenza. La guerra tra pesci fa parte di una fantasiosa pantomima godibile e geniale.

Se una guerra è in atto, se la violenza deve essere raccontata così come essa si abbatte sull’ambiente, sul nostro Pianeta e sui nostri mari, non è certo la guerra del Guarracino. Così il canto (o filastrocca) riveste interesse scientifico, e didattico, sollecitando una serie di (amare) considerazioni sulla salvaguardia dell’ecosistema marino come patrimonio troppo spesso maltrattato e minacciato.

Commenti