MESSINA RFI E TRASPORTI: "TUTELARE CONTINUITA' TERRITORIALE"

Messina, 24 luglio 2018 - “La scelta del gruppo RFI di investire sul traffico gommato piuttosto che su quello ferroviario appare contraddittoria ed è per questo che stamani abbiamo inviato una nota ai vertici di RFI per chiedere dettagli e chiarimenti”.
Così i PortaVoce messinesi del MoVimento 5 Stelle sulla delicata questione che nelle ultime ore sta “travolgendo” il settore dei trasporti in riva allo Stretto di Messina.
“La continuità territoriale - affermano - è un valore che deve essere rispettato e non scavalcato o posto in secondo piano. Rfi dovrà chiarire in che modo la presenza dei servizi di Busitalia, a fronte di una precaria rete ferroviaria isolana, possa favorire i collegamenti tra la Sicilia e la Calabria e permettere ai cittadini di muoversi con facilità da una sponda all’altra dello Stretto. Al contempo, sarà utile capire per quale ragione questa operazione venga altresì effettuata sulle navi private della Caronte & Tourist e non su quelle proprie di Rfi e Bluferries”.
______________
Conferenza Stampa – Messina Sala Ovale martedì 24 luglio 2018. La Continuità Territoriale sullo Stretto ancora una volta minata. L’ultima vergogna del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane nei confronti dei Siciliani e della Sicilia.

Messina, 24 luglio 2018 - E’ da ieri, lunedì 23 luglio 2018, che le ferrovie dello stato hanno pensato bene di avvicinare la Sicilia al resto d’Italia con un nuovo collegamento bus operato da Busitalia, del gruppo FSI, da Cosenza(7.45) a Lamezia Terme aeroporto(8.35) a Messina(11.15) con arrivo previsto a Catania alle 12.45, per poi ripartire da Catania(12.55) verso Messina(14.20) a Lamezia Terme aeroporto(16.40) per fare ritorno a Cosenza alle 17.50. A questa assurda stranezza si aggiunge la beffa di far traghettare i bus non con il servizio offerto da Rete Ferroviaria Italiana ma affidandosi alle navi traghetto del privato.

Una cura del ferro acclarata dal ministro Lupi prima e dal ministro Delrio dopo che doveva curare definitivamente quell’anemia ferroviaria e infrastrutturale che attanaglia la Sicilia da anni ma da una cura di cavallo del “ferro” qualcun altro nel gruppo FSI ha pensato bene di iniziare a curarla con la “gomma” forse magari per cancellare tutte quelle promesse infrastrutturali fatte in questi ultimi anni dai governi nazionali e rimaste solo a binario morto.

Qualche settimana fa il governatore della Sicilia On. Nello Musumeci ha tirato fuori, giustamente e speriamo sia la volta buona, il problema della “Continuità Territoriale, e la necessità che venga una volta per tutte attuata e garantita sia quella aerea che quella marittima.

Alla luce di questi nuovi fatti chiediamo al Presidente della Regione On. Nello Musumeci e all’assessore regionale ai trasporti on. Marco Falcone di voler intervenire presso il ministero dei trasporti per fare chiarezza su questa vicenda assurda e strana. Chiediamo, inoltre, nella qualità di componenti del Movimento Popolare “IlFerrobottenonsitocca” assieme agli altri componenti Or.Sa Sicilia, Usb Sicilia-Calabria, Antudo Messina, Cittadinanza Attiva Sicilia, Comitato Pendolari Siciliani, C.i.u.fe.r, un incontro con il Presidente della Regione e l’Assessore Regionale ai Trasporti per rappresentare loro quanto sta accadendo per l’ennesima volta sulle sponde dello Stretto e per cercare di garantire il servizio di Continuità Territoriale con carattere di stabilità per tutti gli anni a seguire.




Commenti