ARS, ABOLIZIONE VITALIZI, UN PRIVILEGIO DURO DA MORIRE

Ars, abolizione vitalizi, Calderone (FI): "Miccichè ha difeso un principio che da un punto di vista tecnico appare difficilmente aggredibile"
Palermo, 05/07/2018- "Le riforme si fanno in Parlamento nel rispetto delle leggi e della Costituzione. Nell'attuale momento storico nel quale monta il vento dell'antipolitica e del populismo appare operazione assai agevole proclamare ai quattro venti che si vogliono abolire i vitalizi. Altra cosa poi è studiare le norme e soprattutto tenere conto che uno dei principi generali del nostro ordinamento è quello dei diritti acquisiti. Tra l'altro è corretto precisare che nel 2012 é entrata in vigore in Sicilia una legge che ha istituito il sistema previdenziale contributivo e questo ci pare un dato di sintomatica importanza. Il Presidente Miccichè ha difeso un principio che da un punto di vista tecnico appare difficilmente aggredibile e il sondaggio lanciato dai 5 Stelle sembra dare ampia ragione al Presidente". Così l'on. Tommaso Calderone, del gruppo parlamentare di Forza Italia all'Ars in merito alla vicenda innescata dal M5S sul taglio dei vitalizi

"A seguito del sondaggio promosso dal M5S contro l'abolizione dei vitalizi, mi rivolgo al 31% dei favorevoli. Aldilà di una battuta di circostanza pronunciata dal Presidente Miccichè, ritengo che sia doveroso difendere la dignità di coloro i quali hanno difeso e rappresentato la Sicilia".
Così, l'on. Michele Mancuso del gruppo parlamentare di Forza Italia all'Assemblea regionale siciliana in merito alla vicenda sollevata dall'on. Giancarlo Cancelleri sull'abolizione dei vitalizi.

"Piuttosto che soffiare sul vento del populismo - conclude Mancuso - invito il collega Cancelleri e il suo Movimento, a presentare un disegno di legge non solo a carattere regionale bensì nazionale, che preveda l'impossibilità dei familiari all'interno del I grado di parentela di essere entrambi deputati".

"L'abolizione dei vitalizi proposta dai colleghi del M5S non è un intervento contro gli sprechi, li invito a venire in aula e discuterne, senza alcun pregiudizio, con tutti i colleghi parlamentari; ognuno si assumerà le proprie responsabilità. Ritengo che non stiamo difendendo alcun privilegio, bensì stiamo riconoscendo e tutelando un diritto acquisito, quello di chi ha svolto il mandato parlamentare e ha sacrificato la propria carriera professionale per adoperarsi al servizio dei cittadini".Così l'on. Orazio Ragusa del gruppo parlamentare di Forza Italia all'Ars in merito alla vicenda innescata dal M5S sul taglio dei vitalizi.

Commenti